Loading...

I tempi della pubblicazione del matrimonio: una guida completa

ufficiale stato civileLa pubblicazione di matrimonio è una delle fasi fondamentali e necessarie al fine di contrarre il famoso matrimonio civile. Si tratta di un istituto molto risalente nel tempo (c’era già prima della Repubblica) ed era stato concepito per far conoscere a tutti l’intenzione degli sposi di contrarre matrimonio.

La conoscenza serve a permettere, per chi ne abbia diritto, di fare opposizione al matrimonio nel caso in cui ne ricorressero gli estremi ed era una pratica che già dal concilio di Trento fu ritenuto dalla Chiesa necessaria, per evitare i “matrimoni clandestini”.

L’istituto è stato poi traslato nel nostro Codice Civile ed è ancora oggi uno degli istituti fondamentali che riguardano appunto il matrimonio civile.

Vediamo quali sono le tempistiche e cosa bisogna sapere a riguardo di questo fondamentale istituto.

Almeno 8 giorni alla casa comunale

Le pubblicazioni di matrimonio devono essere affisse per almeno 8 giorni nella Casa Comunale, ovvero più comunemente nel grosso dei Comuni d’Italia, all’anagrafe, dove è presente una speciale bacheca proprio per questo tipo di affissioni.

Qui deve rimanervi affissa almeno per 8 giorni, successivamente ai quali entriamo nella seconda fase.

Necessario aspettare altri 4 giorni

Dopo che sono stati esauriti gli 8 giorni richiesti per la pubblicazione, è necessario aspettare ulteriori 4 giorni, durante i quali per l’ufficiale di stato civile non è assolutamente possibile celebrare il matrimonio.

Siamo dunque a 12 giorni e non è ancora possibile contrarre matrimonio.

Successivamente, dal 13esimo giorno, è possibile per l’ufficiale di stato civile andare a celebrare il matrimonio. Ma c’è una scadenza massima dalle pubblicazioni per contrarre matrimonio?

Massimo entro 180 giorni

Entro 180 giorni dall’affissione delle pubblicazioni è altresì necessario contrarre matrimonio, altrimenti la pubblicazione deve essere ritenuta nulla e si dovrà ricominciare con l’iter per la contrazione del matrimonio civile.

Le pubblicazioni sono dovute anche nel caso in cui il matrimonio civile venga contratto in sede di matrimonio religioso, valendo, come ricorda il Codice Civile, tutta la procedura anche nel caso in cui non sia l’ufficiale di Stato Civile a guidare la cerimonia.

Questo è quanto c’è da sapere per quanto riguarda il matrimonio civile. Alla prossima guida su CheNozze, la vostra guida passo passo ad un matrimonio felice e stupendo.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Chenozze.com è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons