Loading...

Di che giorno ci si può sposare in chiesa?

matrimonio in chiesa giornoChi sceglie di sposarsi in chiesa, si trova a dover fare i conti con riti, indicazioni e obblighi che sono propri dell’istituzione cattolica. Uno dei più importanti riguarda sicuramente il giorno. Sebbene la stragrande maggioranza degli sposi opti poi per sposarsi di domenica, alcune coppie potrebbero senza dubbio preferire un altro giorno. 

Se in Comune ci si può sposare praticamente quando si vuole, che dire invece della chiesa, che sottosta comunque a regole proprie e diverse? Vediamolo insieme, in una rassegna che terrà conto di tutti i più recenti orientamenti del cattolicesimo in materia.

Una questione antica, ancora non risolta

Sebbene le pressioni degli sposi per avere a disposizione altri giorni per sposarsi in chiesa non siano cosa nuova, la chiesa si è espressa solo recentemente, con un documento datato 2003, sulla questione del giorno per la celebrazione del matrimonio in chiesa.

Il documento afferma che la Domenica, giorno del Signore secondo la tradizione cattolica, deve sicuramente occupare un ruolo di assoluta preminenza all’interno del rito e che dunque è consigliabile, ma non obbligatorio, badate, celebrare il matrimonio tra la sera di sabato e l’orario di pranzo di domenica.

Non si dovrebbero, inoltre, aggiungere liturgie rispetto a quelle che vengono normalmente celebrate nella parrocchia di riferimento, anche se su questo punto viene lasciata la più ampia libertà al parroco.

Si tratta comunque di indicazioni che sono sicuramente di indirizzo, ma assolutamente non vincolanti.

Si può parlare con il parroco per…

Nel caso in cui ci siano motivi seri e importanti per spostare la celebrazione dal suo momento “naturale” (almeno secondo la Chiesa), se ne può comunque parlare con il parroco che, una volta valutati i motivi, potrebbe accordare la celebrazione in un giorno diverso.

Si tratta di richieste che generalmente vengono accettate e, ad esempio, celebrare il matrimonio in chiesa di sabato mattina è diventata un’usanza che è diffusa praticamente in tutto il paese.

Di parrocchia in parrocchia troverete elasticità di diversa intensità. Parlarne con il parroco o anche con il vescovo comunque porta in genere a soluzioni che sono in accordo con quanto richiesto dagli sposi. Il colloquio, soprattutto con l’officiante, è il primo passo.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Chenozze.com è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons